Autori Opere Libri Articoli Contatti
>>

Post Curiosità - termini fantascientifici: da cosa derivano?

Scopri la derivazione di alcuni termini usati nella fantascienza

28/04/2020 by Ale Bros

Termini inventati che sono entrati anche nella realtà.
    
Termini reali che sono usati nei libri, nei film e nelle altre forme del genere.
    
Scopriamo alcune parole che sono usate molto nel campo fantascientifico.


Il termine sci-fi è una contrazione del termine scientific fiction coniato da Hugo Gernsback (editore, inventore e scrittore lussemburghese naturalizzato statunitense) nel 1926, prima abbreviato in scientifiction, poi ancora in science fiction e infine in sci-fi.



La paternità del termine fantascienza è attribuita a Giorgio Monicelli (traduttore ed editore italiano) nel 1952.



Il termine robot deriva dalla parola ceca robota che può essere tradotta in lavoro. Fu usata per la prima volta da Karel Čapek nel suo dramma fantascientifico R.U.R. del 1920, ed indicava degli automi che venivano impiegati al posto degli operai.



Il termine androide deriva dalla composizione della parola greca anḗr andrós (che significa uomo) e dal suffisso -oeidḗs (che significa simile a). Indica tutti i robot che hanno forma umana. Il termine è menzionato per la prima volta da Alberto Magno (vescovo cattolico, scrittore e filosofo tedesco appartenente all'ordine domenicano) nel 1270, ma è divenuto popolare in seguito all'uscita del romanzo Eva futura dello scrittore francese Auguste de Villiers de L'Isle-Adam uscito nel 1886.



Il termine iperspazio è un termine coniato dal matematico Arthur Cayley nel 1867, per indicare uno spazio composto da un numero di dimensioni geometriche maggiori alle canoniche tre. Nella fantascienza viene usato, per la prima volta e in modo compiuto, da Jack Williamson nel ciclo della Legione dello spazio. L'iperspazio è un escamotage per permettere alle astronavi di superare il limite della velocità della luce, in quanto si ipotizza che due punti distanti, in uno spazio rappresentato a tre dimensioni, siano in realtà più vicini, in uno spazio rappresentato a più di tre dimensioni. Di conseguenza viaggiando nell'iperspazio le astronavi impiegano meno tempo per raggiungere punti dello spazio a tre dimensioni.



Il termine cyborg è l'unione delle due parole inglesi: cybernetic e organism, dalle quali vengono presi i primi tre caratteri e uniti. Definisce un essere biologico (in genere un essere umano) dotato di membra o arti sintetici, solitamente per potenziarne le caratteristiche fisiche. Fu coniato dagli scienziati Manfred E. Clynes e Nathan S. Kline nel 1960 in riferimento alla loro idea di un essere umano potenziato per sopravvivere in ambienti extraterrestri inospitali.
Seguici su  Pagina instagram lafantascienza.com o sul  forum sci-fi