Autori Opere Libri Articoli Contatti
>>

Post L'Angelo Caduto da Marte di Massimiliano Tosti

Intervista all'autore

06/05/2020 by Ale Bros

Massimiliano Tosti è un autore che con il suo libro L'Angelo Caduto da Marte ha vinto due premi principali, oltre ad alcune menzioni di merito.
I riconoscimenti più importanti sono stati il primo premio del "Trofeo Cassiopea" 2018, uno dei maggiori premi italiani per la fantascienza presentato durante la Deepcon, esuberante fiera della fantascienza e del fantastico di Fiuggi, alla quale anche io ho partecipato un paio di volte in passato.
E un posto tra i finalisti al premio letterario "Residenze Gregoriane" 2018 di Tivoli.
Di seguito un paio di foto a riguardo:

CassiopeaGregoriane

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con l'autore, che come sempre ringraziamo infinitamente per aver risposto alle nostre domande.

Sinossi de L'Angelo Caduto da Marte:
L'agente speciale Corso ha finalmente trovato un equilibrio, finalmente può vivere una vita lontano da un passato che lo tormenta. Su Marte, Corso lavora come consulente della polizia, in disparte, evitando ogni possibile coinvolgimento nella vita della florida colonia mineraria marziana. Tutto cambia quando si ritrova a indagare sul rapimento di una bambina, caso che lo assorbe, da subito, completamente. Il rapimento non ha, infatti, alcun senso: nessuno può lasciare il pianeta senza approfonditi controlli. Allora perché prendere la bambina? Le indagini di Corso proseguono per tutto il sistema e, nel suo cammino, avrà modo di incastrare ogni tassello del puzzle di questa storia; ma non sarà la triste verità che porterà alla luce che cambierà Corso per tutta la vita, bensì il doloroso viaggio che sarà costretto a compiere dentro se stesso. Il pianeta rosso. Un misterioso rapimento. Un uomo in cerca di redenzione.

Ed ora le domande.

[Gabriel_PB]: Domanda di rito che pongo a tutti: Cosa è per te la fantascienza?

[Massimiliano]: Ottima domanda, anzi sostanziale. Io credo che uno dei grandi pregi della fantascienza consista proprio negli infiniti modi di interpretarla, di amarla e sicuramente anche di scriverla.
Per me la fantascienza è una grande opportunità, la possibilità di poter trasporre in un'altra realtà la nostra quotidianità.
La fantascienza è l'opportunità di trattare i problemi della vita odierna in un contesto più maneggiabile, più aperto a fornirne interpretazioni e talvolta persino quel significato che non riusciamo a vedere nella vita di tutti i giorni.
La fantascienza mi regala una chiave in più per comprendere quanto accade nel quotidiano.

[Gabriel_PB]: Qual è la genesi de L'angelo Caduto da Marte? Da cosa nasce l'idea?

[Massimiliano]: L’angelo caduto da Marte è nato quasi per caso, senza una chiara decisione di volermi avventurare in quest’impresa.
Chi decide di scrivere in genere ha sempre in precedenza scritto per sé, ma io non ho mai avuto la pretesa o l’ambizione di propormi pubblicamente con una storia di ampio respiro.
Ebbene “L’angelo…” è nato in una stanza d’albergo… no, no, so cosa stai pensando! Niente di così divertente ;-)
Stavo affrontando un periodo lavorativo difficile e mi trovavo in un’altra città per capire se avrei potuto evitare la probabile chiusura aziendale con un trasferimento in un’altra sede (il male minore).
Passai due settimane in un albergo di periferia, due settimane, come puoi immaginare, non semplici e con tutto il peso della situazione: un lavoro che stavo perdendo, lontano da casa e quella buia, sporca, brutta stanza d’albergo...
E così, non so come, cominciai a scrivere di un uomo in una buia, sporca, brutta stanza d’albergo...
Poi semplicemente non riuscii a non completare quella storia, che divenne il libro che conosci.

[Gabriel_PB]: Perché proprio Marte? C'entra qualcosa con il periodo che hai passato?

[Massimiliano]: Marte credo significhi molto per la fantascienza, ma anche per l’immaginario comune.
E’ sempre stato un pianeta sufficientemente lontano per mantenere un buon livello di mistero interno a sé, ma anche sufficientemente vicino da giustificare un prossimo contatto.
La fantascienza de “L’angelo caduto da Marte” è fondata sul realismo, su un mondo tanto verosimile da renderlo non solo plausibile ma immaginabile come prossimo.
Marte è la nuova frontiera, è il nuovo terreno di conquista e non credo esista modo migliore di collocare una fantascienza sia fanta-stica che fondata sulla –scienza e sul verosimile.

[Gabriel_PB]: Quali sono state le tue sensazioni non appena hai messo l'ultimo punto al tuo libro?

[Massimiliano]: Scrivere un libro è indubbiamente un grande impegno. Specialmente quando senti la necessità di far funzionare la storia, di non tralasciare alcun dettaglio e fare in modo che i tuoi personaggi siano in grado di coinvolgere prima di tutto te stesso. Scrivere è un’esperienza straordinaria se ci si abbandona in pieno alla storia, se si lascia che sia il vivere quell’esperienza il solo scopo e non magari quello di riempire delle pagine. E’ per tutto questo che mi sento di consigliare a tutti di scrivere, perché permette di creare lasciandosi completamente sopraffare dalla storia che nasce. Quindi, quando misi l’ultimo punto, fui contento perché il frutto di tanto lavoro era finalmente maturo, ma allo stesso tempo sentii subito che mi sarebbero mancate quelle sensazioni che ti ho appena descritto.

[Gabriel_PB]: Grazie mille per le tue risposte. Sei stato gentilissimo!

Contatti e link

Email dell'autore (alla quale è possibile contattarlo liberamente): langelocadutodamarte@gmail.com

Acquisto del libro in formato cartaceo su Amazon: Clicca qui

Acquisto del libro in formato cartaceo su Feltrinelli: Clicca qui

Acquisto del libro in formato cartaceo su IBS: Clicca qui

Acquisto del libro in formato cartaceo su Mondadori Store: Clicca qui

Post in collaborazione con sci-fi forum (clicca sul banner per visitare il forum)Sci-fi_Stripbanner_1
Seguici su  Pagina instagram lafantascienza.com o sul  forum sci-fi